Ville Venete: tra parchi, labirinti e castelli - Nomnom q.b.
Menu
Food&Travel

Ville Venete: tra parchi, labirinti e castelli

castello del catajo

Le ville venete sono più di 4000, di cui circa 200 aperte al pubblico e 27 inserite nella lista dell’UNESCO. Dislocate un po’ lungo tutta la regione, custodiscono dei giardini di rara bellezza con labirinti chilometrici, affreschi perfettamente conservati e stranezze architettoniche realizzate per celebrare la posizione sociale dei loro proprietari e stupire gli ospiti durante i sontuosi ricevimenti e feste.

In questo articolo, ti presento 5 diverse tipologie di ville e parchi: Villa Barbarigo per gli amanti del simbolismo e dell’allegoria, un “Castello non Castello”, Villa Contarini con le sue pareti adorne di conchiglie, l’ozio creativo di Villa dei Vescovi e, per finire, Villa Pisani e il suo intricato labirinto.

Giardino Monumentale di Valsanzibio – Villa Barbarigo Pizzoni Ardemani

Villa Barbarigo è situata nel dolce paesaggio dei Colli Euganei, in località Valsanzibio a Galzignano Terme.

Il suo imponente giardino barocco venne realizzato tra il 1665 ed il 1696 come voto solenne a Dio per sconfiggere la peste degli anni ’30. Ideato dall’architetto Luigi Bernini, rappresenta un classico esempio di giardino simbolico del Seicento, custode di un monito mai così attuale: quello di non arrendersi alle difficoltà della vita, di sapersi fermare e riflettere sull’importanza del tempo per vivere intensamente ogni singolo prezioso istante della nostra vita, senza dare mai nulla per scontato.

giardino valsanzibio

Il “percorso di salvificazione” inizia dal Padiglione di Diana o Portale di Diana, il monumentale ingresso via acqua dove un tempo vi approdavano le barche. Statue, fontane, laghetti e giochi d’acqua si snodano su una superficie di oltre 10 ettari, tra alberi ultrasecolari e muri di siepi.

Si prosegue quindi attraverso uno splendido Labirinto in bossi lungo un chilometro e mezzo, la Grotta dell’Eremita, l’Isola dei Conigli e il Monumento al Tempo. Un percorso di rara bellezza in un museo all’aperto dove le opere d’arte si fondono e convivono con la natura circostante.

INFORMAZIONI GENERALI
www.valsanzibiogiardino.com

giardino valsanzibio

Castello del Catajo

L’appellativo “Catajo” deriva dalla località in cui sorge, Ca’ del Taglio – in dialetto veneto “Cà del Tajo”, “la tenuta del Taglio” – ovvero uno scavo nella roccia realizzato per il deflusso delle acque.

Villa principesca, alloggio militare, cenacolo letterario e reggia imperiale: il Castello del Catajo con le sue 350 stanze, il “Giardino delle Delizie” e i saloni affrescati è considerato tra le dimore storiche europee più imponenti. Un castello non castello senza alcuno scopo difensivo, costruito per lo più per celebrare la ricchezza e potenza della famiglia degli Obizzi e divenuto famoso per le sfarzose feste organizzate dai suoi padroni durante i mesi estivi.

castello catajo

Una curiosità della grande terrazza – un vero e proprio salone da ballo a cielo aperto – è rappresentato dalle torrette di vedetta: realizzate per ricordare l’aspetto di un castello, venivano in realtà utilizzate come una sorta di sgabuzzino, dove riporre sedie e tavolini al termine della serata.

Particolarmente affascinante il Cortile dei Giganti, utilizzato per rappresentazioni teatrali, tornei e rievocazioni di battaglie navali: la parte inferiore del cortile infatti poteva essere riempita d’acqua!

Oltre alla visita classica è possibile partecipare ad eventi, degustazioni, spettacoli teatrali e passeggiate notturne, circondati da affreschi perfettamente conservati che ritraggono la vita e le gesta della famiglia Obizzi.

INFORMAZIONI GENERALI
www.castellodelcatajo.it

Villa Contarini

Villa Contarini – Camerini è una delle più grandi Ville Venete di aspetto barocco, situata a Piazzola sul Brenta (PD). Le sue stanze monumentali, a volte bizzarre, lasciano senza fiato: basti pensare all’abbagliante Sala degli Specchi o alla Galleria delle conchiglie con il soffitto e le pareti completamente adornate da vere conchiglie.

Lungo le due ali parallele dell’imponente complesso architettonico, si susseguoni stanze affrescate a tema biblico, mitologico, mosaici e giochi prospettici per lo svago degli ospiti.

villa contarini

Al terzo piano, si trova la famosissima “Sala della Musica”, detta anche “Sala della Chitarra Rovesciata”, un vero e proprio capolavoro sonoro dalle caratteristiche acustiche uniche al mondo. Grazie infatti alla sua particolare struttura, produce un funzionamento simile a quello di una cassa armonica, diventando così un palcoscenico ideale per concerti da camera.

Nel vasto parco retrostante troverai piante secolari e un piccolo lago dove abbandonarsi ad un suggestivo giro in gondola.

INFORMAZIONI GENERALI
www.villacontarini.eu
ATTENZIONE! Ogni ultima domenica del mese, nella piazza della villa e nelle vie circostanti si svolge uno dei più grandi mercatini d’antiquariato. Oltre alla difficoltà a trovare parcheggio, fai attenzione a dove lascierai l’auto: non c’è molta tolleranza (considerando anche la scarsità di posti) e ogni scusa e buona per fare cassa!

Villa dei Vescovi

Immersa tra i vigneti, questa Villa di medie dimensioni, anticipa l’estetica del Palladio ispirandosi a una domus romana.

Qui vige il concetto di “ozio creativo”, di luogo capace di ispirare ed elevare lo spirito. Gli spazi interni e le aree circostanti sono infatti concepite come luoghi in cui abbandonarsi alla lettura, allo yoga o semplicemente contemplare la natura sui divani delle logge panoramiche, contemplando gli affreschi del pittore fiammingo Lambert Sustris.

villa dei vescovi

Una residenza di charme in cui è possibile soggiornare e vivere un’esperienza fuori dal tempo in una delle due Mansarde, del Frutteto e del Vigneto.

INFORMAZIONI GENERALI
Villa dei Vescovi

Villa Pisani

È forse la “Regina delle Ville Venete”, una delle principali mete turistiche, scenario incantevole per concerti ed eventi esclusivi. Sede di un museo nazionale, con opere d’arte e arredi del Settecento e dell’Ottocento, la Villa è rinomata per il suo parco dalle viste scenografiche, le originali architetture, le serre ed il famoso labirinto, considerato uno dei più belli d’Italia.

A mio avviso, anche uno dei più difficili da attraversare.

Il “Labirinto d’Amore”, formato da nove cerchi concentrici di siepi di bosso, è a percorso libero. Le strade senza uscita e l’altezza delle siepi non consentono di orientarsi facilmente. Solo dalla sommità della torre centrale è possibile comprenderne la reale struttura e, fortunatamente, c’è sempre qualche anima buona che a gran voce suggerisce ai disorientati visitatori (me compresa) la strada giusta da seguire.

Devo dire la verità, un’esperienza che non ripeterei. Bellissimo, ma a tratti angosciante.

villa pisani

Camminando tra i suoi viali o soffermandosi lungo i bordi della suggestiva piscina centrale si ha quasi la sensazione di tornare indietro nel tempo. Splendidi gli interni della dimora, dove è possibile ammirare anche un affresco del Tiepolo.

Villa Pisani è una meta imperdibile, consiglio di dedicare una giornata intera alla visita per assaporare con calma ogni suo piccolo scorcio.

INFORMAZIONI GENERALI
Villa Pisani

villa pisani